Dichiarazione del Segretario Generale FIM-CISL Torino e Canavese, Davide Provenzano:

 “In queste ore rileviamo la situazione legata al Covid-19 in continuo peggioramento nel nostro territorio.

 Troppe le aziende metalmeccaniche senza una linea di sicurezza precisa per i propri dipendenti.

I lavoratori vanno a lavorare con una grande preoccupazione per loro ma anche per i loro familiari a casa.

 Come FIM-CISL abbiamo dato comunicazione a tutti gli Operatori Territoriali di segnalare al Prefetto di Torino, tutte quelle aziende che non rispettano il decreto in materia di sicurezza legato al COVID-19.

 Inoltre i nostri delegati e tutte le strutture hanno indicazioni di mettere in campo azioni di sciopero laddove si ravvisi un atteggiamento ostile da parte datoriale.

 Se serve STOP alle produzioni, per garantire ai lavoratori il rispetto delle norme da parte aziendale, al fine di farli rientrare successivamente in piena sicurezza”.

La FIM nasce  ufficialmente nell'ottobre del 1951, ma in realtà è già in vita dal 30 marzo 1950, quando a Milano due sindacati metalmeccanici democratici stipulano un accordo di unificazione sotto la sigla Fim e decidono di aderire alla confederazione Cisl, impegnandosi ad affermare un modello di sindacato democratico, riformista, autonomo, laico e solidaristico.


La FIM-CISL Torino e Canavese offre assistenza e informazioni per la tutela dei diritti e l’accesso a prestazioni sociali.
La FIM-CISL mette a disposizione dei suoi iscritti agevolazioni e opportunità di risparmio.


Rimani informato con i nostri articoli di approfondimento e la rubrica INFORMA FIM sui diritti del lavoratore.

Non dimenticare di dare un'occhiata alla nostra Mediateca.