In data odierna si è svolto presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico il previsto incontro tra istituzioni competenti, vertici aziendali Mahle Motori Italia e Organizzazioni Sindacali.

L’esito del confronto è stato l’impegno da parte aziendale a concludere la procedura senza attuare i licenziamenti collettivi ed a intraprendere un percorso, concertato con le parti sociali, avente come obbiettivo l’adozione di un ammortizzatore sociale, la concretizzazione di un processo di reindustrializzazione monitorato dal Ministero, l’istituzione di una forma di incentivazione all’esodo per i lavoratori interessati e la predisposizione degli strumenti inerenti le Politiche Attive.

Entro la fine della prossima settimana si svolgeranno gli incontri informali e formali utili alla strutturazione dell’accordo.

Soddisfazione per il risultato raggiunto ma va sottolineato che sarà fondamentale l’impegno coerente di tutti per ottenere un buon esito finale che tuteli il lavoro ed i lavoratori.

La FIM nasce  ufficialmente nell'ottobre del 1951, ma in realtà è già in vita dal 30 marzo 1950, quando a Milano due sindacati metalmeccanici democratici stipulano un accordo di unificazione sotto la sigla Fim e decidono di aderire alla confederazione Cisl, impegnandosi ad affermare un modello di sindacato democratico, riformista, autonomo, laico e solidaristico.


La FIM-CISL Torino e Canavese offre assistenza e informazioni per la tutela dei diritti e l’accesso a prestazioni sociali.
La FIM-CISL mette a disposizione dei suoi iscritti agevolazioni e opportunità di risparmio.


Rimani informato con i nostri articoli di approfondimento e la rubrica INFORMA FIM sui diritti del lavoratore.

Non dimenticare di dare un'occhiata alla nostra Mediateca.